Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

      Erotic Hub

Modelnikita

Per una migliore navigazione,usa il menu a tendina ( per chi accede da dispositivo mobile ) e la dashboard soprastante. Benvenuti! Lo Staff.

Blog

Blog

Benvenuti nel Blog di Nikita Model.com,lo spazio creato per interagire tra di noi,per leggere e postare articoli sul sesso,la trasgressione e discuterne ami chevolmente. Uno spazio per condividere racconti brevi,esperienze e perché no? Chiaccherare! L'accesso,sempre gratuito,comporta l'iscrizione attraverso l'indirizzo E-mail. Si riassume tutto in poche,semplici regole: 1- NO ALLA VIOLENZA: Non sono ammessi e tollerati qualsiasi forma di maleducazione,insolenza e l'incitamento a qual siasi forma di violenza verso persone animali etcc I commenti ingiuriosi,vessativi e discriminatori saranno bannati come gli autori stessi 2- NO POLITICA E RELIGIONE: Siamo quotidianamente subissati da ques ti argomenti. Qui no,grazie. 3- LIBERTA' D'ESPRESSIONE: Nikitamodel.com non è in alcun modo res ponsabile dei contenuti degli editori in materia di linguaggio ed argomentazione,fatta eccezione riguardo il punto 2 4- CONTENUTI: Ti piace scrivere? Condividi qui i tuoi racconti brevi,espe rienze,fantasie...Le condivideremo e le commente remo. Non sono contemplati ed ammessi atteggia menti discriminatori in qualità di gender,inclina zioni etcc. Eccezzioni riguardo i punti 1-2 5 - ISCRIZIONE E PRIVACY: Sempre gratuita, l'iscrizione è subordinata al rilascio del proprio indirizzo E-mail. I dati saranno gestiti nel rispetto dell?articolo UE 2016/679

view:  full / summary

CRISTINA (Uomini che pagano le donne )

Posted on June 8, 2020 at 11:00 AM Comments comments (34)
di Gio69 E'solo ed è molto eccitato. Arrapato si definisce: �??Devo assolutamente scopare!�?� si ripete. L'uomo si guarda allo specchio,facendo una smorfia: è grasso, molto grasso e si sente solo... Per festeggiare il suo compleanno,decide di fare un bel giro lungo certi viali della sua città. Reggio Emilia nel 1989 offre un timido repertorio di puttane che battono alcune zone vicino al centro. Si va dalla giovane strafatta che ciondola ai bordi del marciapiede,alla veterana ultra quarantenne passando per uno scherzo della natura di età avanzata,quanto indefinibile,che passeggia regolarmente lungo un viale della Circonvallazione. L'uomo osserva con attenzione e desiderio ciò che gli viene offerto. Vuole scegliere bene,in fondo è il suo compleanno! Ha con se un paio di calici,portati da casa ed una mo desta bottiglia di spumante. Guida un pulmino a 9 posti,un mezzo che ben si presta per queste cose. Lo spazio posteriore,sul vano motore,è un'ottima alcova: l'uomo l'ha già sfruttata. Passa pian piano lungo il parcheggio che sfila parallelo alla circonvallazione . La puttana è la,appoggiata al muro ed incrocia lo sguardo dell'uomo. E' vecchia forse sulla cinquantina,ma potrebbe essere più giovane. Ha gli occhiali da vista e questo particolare eccita l'uomo,ma l'insieme non lo soddisfa,non stasera. Il pulmino sfila nei pressi dello Stadio,lungo quei viali alberati è possibile incontrare lucciole inte ressanti. Ma c'è solo il silenzio ed il caldo di inizio Estate. Il buio è calato da poco e probabilmente è presto. Non si vedono nemmeno le giovani strafatte,che sarebbero una possibile scelta se non dormissero in piedi... missero in piedi... L'uomo cerca in particolare una di loro ( vedi UOMINI CHE PAGANO LE DONNE Antonella n.d.r. ). Si è appartato con lei poco tempo prima ed il ricordo del pompino che gli ha fatto gli fa accellerare il battito,la cappella s'inturgidisce...La puttana non c'è,l'uomo continua il pro prio giro regolare,viale dopo viale,il percorso ben chiaro in mente. Appare un'ombra lontano,sotto un lampione...Che sia? Normalmente,in quell'angolo puttane non ce ne sono e l'uomo decide di dare un'occhiata. Si avvicina una ragazza piuttosto giovane: indossa una canottiera che lascia intra vedere due tettine a punta,libere di mostrare capezzoli rosa e turgidi. E' evidentemente una tossica, ma non è strafatta. . Sorride all'uomo con tutti i denti e sale sul pulmino. Indica la direzione da pren dere accostandosi all'uomo,grazie al terzo sedile. Lo bacia su un orecchio,sfiorandogli il pacco. Rag giungono un luogo poco lontano,una lunga serie di garages,sotto grandissimi condomini sviluppati su dieci piani. L'uomo sorride perchè lavora proprio li a due passi da dove parcheggia il pulmino. Anche la puttana sorride,incassa le cinquantamila lire che l'uomo le porge ed afferra i calici. Stappa no la bottiglia e brindano prima di raggiungere l'uomo in fondo al pulmino. Con grande sorpresa del l'uomo sempre più arrapato,la puttana si sfila i calzoncini,rivelando una patatina niente male e ficca decisa la lingua in bocca all'uomo! Si lascia toccare tra le cosce. Le dita esperte le lisciano il pelo,ti tillano il grilletto ed entrano decise in profondità. Geme la troia...è bagnata e pare gradire il tocco dell'uomo. Continua a baciarlo in bocca con decisione,facendo girare la lingua abilmente. Si stacca solo per succhiargli i lobi delle orecchie o il collo. Con mani esperte,scappella il cazzo dell'uomo e succhia con passione. L'uomo guarda quelle labbra morbide e sconosciute,avvinghiargli la cappella viola,tocca la fica bagnatissima e le tettine sode. La puttana salta letteralmente sul cazzo sempre più duro,scuote i fianchi gemendo come una troia! L'uomo sente che non finge,è troppo bagnata e calda Lei continua a cavalcarlo elo bacia,poi si solleva e lo guarda...A questo punto l'uomo realizza: sta scopando la ex cassiera del supermercato all'angolo! Cazzo! Solo un paio d'anni prima,la incontrava la mattina,pagando il panino per colazione! Lei sorrideva,simpatica e gentile. Indossava spesso cano tiere che svelavano quelle tettine che ora succhiava avidamente! L'uomo finalmente schizza,la spruz za in viso,sul petto e lei lo bacia ancora con passione. Gli confessa che lo ha riconosciuto,che è dav vero lei:la ex cassiera del supermercato! Abbraccia l'uomo che la riaccompagna lungo il viale. Lo bacia ancora in bocca,gli lascia il proprio sapore,poi s'allontana: due passi..quattro...una portiera si apre e lei non c'è più. Due fari rossi come occhi felini attraversano la notte.

ANTONELLA ( Uomini che pagano le donne )

Posted on June 8, 2020 at 10:30 AM Comments comments (0)
ANTONELLA ( Uomini che pagano le Donne ) di Gio69 Un sabato sera,dopo essere stato al cinema con gli amici,grande film degli U2 in America,l'uomo decide di concludere la serata in �??giro�?�. Lungo viale dei Mille,in centro a Reggio Emilia la incontra Una giovane prostituta italiana,piccola e minuta,con lunghi capelli ricci e scuri. Ha lo sguardo tipico di chi ha sofferto. Gli si offre in macchina,dietro ai magazzini Cam,con una passione che lo lascia piacevolmente colpito. Si spoglia adagiandosi sul sedile ribaltato: è di una magrezza impressionan te,ancora più accentuata dalla mole eccessiva dell'uomo. Ha le tettine piccole,con i capezzoli rosa e turgidi. Lui li sfiora e la sente rabbrividire. L'attira a se,affondando la mano in quei riccioli serici. La ragzza non ha un buon odore,ma l'uomo la bacia e lei si lascia andare. Un breve bacio,umido... Si abbassa tra le gambe dell'uomo che si abbandona al delicato,piacevole tocco delle sue labbra. Lo stuzzica con la punta della lingua,è molto brava e presto si distende invitandolo a penetrarla. Un poco faticosamente,l'uomo s'infila nello spazio angusto tra il cruscotto ed il sedile. La guarda: picco la,magrissima...con quel ciuffo di peli neri e ricciuti sulle labbra dischiuse. Eccitato la scopa,in un attimo è dentro di lei,non sente il preservativo ma il calore di lei! Lo ecccita a tal punto da dimenti care l'insensibilità che gli provocano i profilattici. La ragazza gli mordicchia il collo e geme. L'uo mo continua a spingere..è sicuro che lei viene quando la sente gemere forte e lo guarda. Lo tiene ab bracciato un lungo,delizioso attimo prima d'invitarlo a scostarsi e permetterle di rivestirsi. L'uomo continuò a sognarla per giorni. Gli regalò una saponetta da Hotel,della Lux,dicendomi che era la sua famiglia che le produceva. Le credette,senza riflettere sulle cause che spingono una ragazza prove niente da una famiglia benestante,sulla strada...Conservò la saponetta in auto per mesi ,non voleva separarsene. Una sera,mentre l'uomo è sulla nuova auto del suo migliore amico,a conoscenza dei suoi vizi. Incontra Antonella nel posto dove solitamente sosta una vecchia puttana. Sempre più magra e pallida,lo riconosce e lo saluta con gioia. Notando il suo notevole rossore (più che abbronzatura dovuta ad un paio di frequentazioni della piscina di Baiso ),gli dice: �?? Cos'hai fatto? Sei bello! Sembri un bombolone!�?� ( conosciuto anche come krapfen, pasta lievitata dolce,farcita con crema o marmellata,fritta nell'olio assume un colore bruno dorato n.d.r.) L' amico ride per tutto il viaggio verso casa sua,dove l'uomo recupera la sua auto. Poi fu di nuovo amore con la giovane prostituta. Si baciano con passione,l'odore della ragazza non è migliorato,ma al contatto con le labbra dell'uomo sembra svanire. Si spoglia e per un attimo l'uomo si sofferma a guardare le costole che spuntano sotto la pelle diafana...La ragazza si abbassa e di nuo vo la sua linguetta trascina l'uomo in un vortice di godimento. Si lascia toccare tra le cosce magre e lui la scopre bagnata e calda come ricordava. Scivola tra i sedili e la prende,delicatamente. Questa volta però il preserva tivo lo blocca,si stacca da lei e guardandola mentre si tocca viene prepotente mente sul tappetino. Si rivestono ed all'improvviso lei scoppia in lacrime: gli chiede aiuto,gli racconta la sua vita sofferta e gli mangia il cuore! Scrive su un foglio l'impegno solenne di restituire un giorno,tutti i soldi che l'uomo le avrebbe dato per incontrarla. Con amore scrive,con amore, e lo firma. L'uomo è �??innamo rato�?� e per la prima volta ricambiato con quel sesso che tanto anela! Una sera,la trova sul ciglio della strada assieme ad un'amica. Erano talmente fatte da non reggersi in piedi,in condizioni davvero pietose! Accosta: l'uomo la riconosce ed allontana un potenziale cliente! Le fa salire sul pullmino ed ascolta la loro storia. Si addormentarono con una sigaretta accesa,diedero fuoco al letto dell'albergo dove alloggiavano,fortunatamente senza più gravi conseguenze. Dovevano versare duecentomila lire in contanti per i danni,se non volevano essere cacciate. L'uomo se ne fece carico dandogli il denaro senza nemmeno consumare con loro un rapporto sessuale. Dopo quella notte,lei lo chiamava di pomeriggio e lui si precipitava! Non gli si concede mai per pura e semplice passione . Scopano solo una volta,frettolosamente,per averla deve pagare regolarmente:piccole cifre,con pretesti diversi. L'uomo era intimamente consapevole della sua tossicodipendenza che la �??schiacciava�?�. Sperava di aiutarla amandola ed accudendola,ma si sbaglia! In una tiepida mattina d'inizio ottobre,l'uomo è al bar a fare colazione. Sfogliando il Quotidiano lo cale ecco la foto di Antonella,l'amica tossica ed un ragazzo: arrestati per reati legati alla droga! EPILOGO: Una sera incontrai nuovamente Antonella,evidentemente uscita da poco dal carcere. Lei non mi dis se che era stata dentro,io non approfondii. Ero troppo felice di averla ritrovata. Facemmo l'amore con passione e desiderio. Lei si avventò con fame,quasi,seppure con estrema dolcezza! Mentre lo stuzzicava con le labbra,pianissimo,mormorava �?? Che buono!�?� con una vocina così dolce che mi fe ce fremere di desiderio! Poi lo prese in bocca decisa,ancora..�?� Che buono�?� e di nuovo lo sfiorava! Mi fece stendere sulla schiena e mi montò,i capelli davanti al viso,le piccole tette tremevano mentre scuoteva i fianchi. La sentii gemere mentre si rilassava venendo su di me! Mi si adagiò sul petto,af fondai il viso nei suoi capelli che puzzavano di fumo,mentre mi abbracciava,nuda e calda. Ero cotto di lei,completamente partito! Una volta rivestiti le dissi �?? ti amo�?�,così semplicemente e lei versò lacrime amare. Me lo fece ripetere, �??ti amo�?� ma ancora non capivo il perchè di quelle lacrime. Non avevo colto le implicazioni di quelle due semplici parole. Una sera scorsi la sua amica mentre atten deva i clienti. Aveva cambiato posto,Antonella non c'era. Mi fermai e la caricai in macchina. Volli fondalmentalmente rassicurarla sui tempi di restituzione di quel denaro... Che ci saremmo sicura mente messi d'accordo. Lei colse la palla al balzo. Non mi fece scopare frettolosamente in auto come speravo,mi mandò elegantemente in bianco e come se non bastasse,raccontò dell'incontro all'amica! Ignaro,un paio di sere dopo,scorsi Antonella lungo viale Manara,aveva cambiato posto anche lei. Stavo per raggiungerla ma fui ostacolato nella manovra da un auto azzurra,una Fiat Uno. M'incazzai insultando l'uomo alla guida,frenando dietro la macchina. Ad un tratto si spalancò la portiera di destra e scese un uomo maturo,con i capelli grigi ed uno sguardo duro,minaccioso ch non si dimentica: in mano teneva l'inconfondibile paletta... Polizia! Non mi restò altro da fare che andarmene,sollecitato dall'agente. Riservarono qualche attenzione alla prostituta e se ne andarono presto,per mettendomi cosi di raggiungere Antonella. Mi rassicurò,era un normle controllo,le chiesero chi fos si e lei ripose �??solo un cliente�?�. Mi piccai di essere definito �??un cliente�?�,protestai brevemente e lei mi chiese se avessi preferito guai peggiori! Cosa doveva dire alla Polizia? Non seppi rispondere e lei esplose! Mi gridò in faccia,mentre stringevo il volante,muto: �?? Per un pompino!�?� Oh se gridava! �?? PER UN POMPINOO!!�?� Io non capivo,sempre più ammutolito. Antonella singhiozzava e continuava a strillare: �?? NON DICI NIENTE EH ?! PER UN POMPINO!!�?� Poi afferrai la verità,distorta e crudele ma chiara: la sua amica,non solo mi mandò in bianco ma raccontò ad Antonella l'esatto contrario! �?? Altro che TI AMO!�?� strillò tra i singhiozzi �?? PER UN POMPINO! DIMMI QUALCOSA! PERCHE' NON PARLI ?!�?� Non ci riuscivo,impotente l'ascoltavo e tacevo. In fondo avevo torto,anche se non avevo scopato con l'altra,non mi ero comportato bene. Ma in fondo ad una puttana tossica che importa? Avevo pensato. Ma quelle lacrime? Soffrivo anch'io ma non mi ribellai,non cer cai di spegarle come si svolsero i fatti,non feci nulla per non fare naufragare quella paradossale sto ria d'amore .

La prima volta di Gio&Irina di Gemelli69

Posted on May 15, 2020 at 8:00 PM Comments comments (1)
La coppia è giovane,Gio ha 27 anni: Irina è giovanissima! Festeggia i suoi primi 18 anni! Quale locale scegliere per un compleanno così importante? Ma il Club Privee naturalmente! Da qualche mese a quella parte,in provincia di Parma,era aperto un Club Privee,novità assoluta in provincia. Gio,convince la ragazzina delle gioie del sesso libero,dello scambio consensuale del partner... Cosi..per provare nuove esperienze. Irina lo asseconda,ne parlano mentre scopano,lo fanno da pochi mesi. La ragazzina,ha perso da poco la verginità ma si rivela vogliosa,insaziabile e molto,molto cu riosa! Sono nudi sul letto,al buio,a casa di lei. Irina tocca piano l'uccello di Gio,che ascolta rapito la compagna " Sai?" gli sussurra "Mi facevo i ditalini guardando la pubblicità delle Hotlines... Di notte...da sola...Con le gambe aperte, m'infilavo il dito e godevo! Godevo come una pazza!" " Guardan do le donne?" Chiede ansimando Gio. "Si! Mi eccitano da morire�?�" La risposta di Irina è chiara! La piccina ha un vizietto,conclude Gio tra se e se... E cominciano a parlare di dove concretizzare questi sogni. Gio decide di andare a a vedere il locale di Parma,in fondo lui sa cosa aspettarsi. Rac conta ad Irina le sue esperienze in un locale in provincia di Ravenna ( vedi La mia prima volta di Gemelli69 N.d.A.) di come ha visto diverse coppie scopare come ricci,scambiandosi i partner. Irina lo ascolta rapita,sempre più convinta di voler vivere questa nuova esperienza! Con la sua complicità Gio oltrepassa il fiume Enza e va al club privee. Come a Ravenna,viene tesserato ed istruito sul comportamento da mantenere,cosa aspettarsi. L'istrionico gestore del locale lo colpisce con la frase " nulla è scontato,nulla è dovuto". Giò è affascinato dai modi dell'uomo,è bello,maschio e molto,molto sicuro di se! Parla con marcato accento bolognese,che non ha nulla da spartire con con la " R" moscia tipica del dialetto di quelle zone. Ma lo è ancora di più dalla splendida donna che gli viene presentata come la padrona di casa,la compagna del gestore. E'di una bellezza appariscente, quasi volgare,esprime una potente carica sessuale. In perfetto equilibrio sui tacchi altissimi,mostra il locale a Gio. La segue sulle scale,puntando gli occhi sul culo rotondo e perfetto della donna. Scultorea,con due tette da mozzare il fiato,si rivela molto simpatica e Gio comincia a sognare... Per essere venerdi,la serata è molto fiacca. C'è una sola coppia nel locale e le probabilità di Gio di esse re coinvolto si avvicinano allo zero. Non scopano nemmeno tra loro...a Gio non rimane che chiac cherare con i gestori,promettendoloro che sarebbe tornato in coppia e che coppia! In una calda notte di giugno,Gio e Irina emozionatissimi,suonano alla porta del locale. Il proprietario riconosce Gio e rimane a dir poco allibito di fronte ad Irina! Sono presenti nel locale tre coppie,sulla quarantina,for se qualcosa di più. Gio non sta più nella pelle!Affascinato da sempre dalle donne mature,legato ad una bambina,pregusta l'avventura imminente. Irina non sembra disdegnare le persone molto pi grandi di lei e finalmente i giochi hanno inizio. Gio e Irina si ritrovano in un separè assieme alle al tre coppie,che si baciano spogliandosi a vicenda. Gli occhi sono tutti puntati sulla giovanissima Irina. Gio la fa stendere e comincia a leccarla come sa che le piace...Ma la sua attenzione è concen trata sulle donne vicino. No! è il secco commento di uno degli uomini... Vedi,a noi piace guarda re ed essere guardati... conclude . Ci eccita farlo qui,tutti assieme,ma ognuno con la sua donna. Per Gio è un'autentica doccia gelata: questa è una sfumatura del gioco di coppia che ancora non co nosce...No. Non gli piace! Anche Irina appare delusa. Lasciano le coppie ad ammirarsi tra loro e si rifugiano in un altro angolino del locale. Con grande sorpresa,dalle tendine si affacciano rispetti vamente il gestore,la compagna ed un singolo: un bel ragazzo sulla trentina. La padrona di casa ha in mano un fallo di latice,un cazzone di gomma di almeno 25 centimetri! Largo più di un normale ro tolo di carta igienica...Il gestore asserisce che il toy in latex è delle stesse dimensioni del suo uccello che però tiene nei pantaloni. La compagna,si avvicina ad Irina che si lascia accarezzare.Per Gio è uno shok! Talmente arrapato com'è non ha nemmeno un?erezione degna di tale nome...osserva rapi to il dildo di latex che sparisce letteralmente tra le cosce spalancate di Irina.Pian piano si avvicina al la donna che manovra abilmente il dildo e le tocca le tette..perfette: tanto "perfette" da non essere vere! E'la prima volta che Gio viene in contatto con un seno al silicone e lo disgusta. Comunque la donna,educatamente lo respinge,così come il singolo che si vede consegnare il dildo per proseguire a ficcarlo in profondità dentro Irina...Il gestore dirige il gioco ed il dildo è ora in mano a lui. La com pagna osserva la scena,lasciando intravedere l'enorme seno fasullo. Il singolo si masturba vigorosa mente e viene gemendo,in un angolo del privee. Si masturba anche Gio,per schizzare abbondante mente le tettine,piccole ma vere,di Irina. C'è tempo per un ultimo drink e la promessa di tornare presto nel locale. Comincia così il ricco ciclo di avventure di Gio &Irina. Continua.... Opera di fantasia,basata su una storia vera. Nomi e persone sono di fantasia. Diritti riservati

LA MIA PRIMA VOLTA di Gemelli69

Posted on May 15, 2020 at 5:20 AM Comments comments (0)
Gio è un ragazzone di venticinque anni,vive con i genitori ed i fratelli minori. "Studia" con interesse una rivista di annunci. E' nuova sul mercato di Reggio Emilia. La rivista,oltre a pubblicare foto molto esplicite ( con i volti rigorosamente censurati) offre un esclusivo ( a quei tempi ) servizio di caselle vocali. ( Vocal Box,fu un marchio registrato. Citato in un celebre brano musicale della band Prozac+ N.d.A. ) Chiami il numero,digiti il codice dell'utente, il numero della casella vo cale e lasci un messaggio. Gio è attratto da un annuncio in particolare: una giovane coppia,incon tra singoli! Perfetto! Gio desidera fare questa esperienza da tempo...Si masturba sfogliando le rivis te di annunci...sega...sega... E legge: Coppia 40/35 lei BX...Coppia cerca... Sono una lei di coppia... sega...sega... Mio marito non mi scopa più... Cerchiamo singoli per mia moglie... Ahhhhh...Lo schizzo è caldo e potente! Gio posa la rivista ed alza la cornetta. Tuu...Tuu... Il cuore accellera quando finalmente entra in contatto con la casella vocale. Con voce leggermente tremante, lascia il messaggio. Gio aspetta di essere chiamato,guarda le foto della coppia. Lei è bionda,formosa. Ha le tette grosse,sembrano sode dalle foto. Indossa lingerie sexy,nera,con le calze velate ed i tacchi alti. Appare anche lui,bel ragazzo,atletico. Gio,che atletico,non è,pensa che probabilmente potrebbe non piacergli...Ma non vuole pensarci ora. Tira fuori l'uccello e comincia nuovamente a masturbarsi Tre lunghi giorni dopo,riceve la telefonata tanto attesa: "Ciao,sono Marco...Hai risposto al nostro annuncio�?�" Gio finge di pensarci...come se facesse decine d'incontri,forse per non ammettere la propria inesperienza. Marco lo invita in un locale in provincia di Ravenna,a Punta Marina. "Così ti presento Silvia e possiamo giocare assieme se ti va�?�" Gio accetta subito senza riflettere,sui cento cinquanta chilometri che lo separano dal locale e,particolare non indifferente,i costi! Poco tempo prima si recò a Cinisello Balsamo,tra Milano e Como per provare l'esperienza Club Privee. La signora alla cassa gli spiegò gentilmente la necessità di esibire i documenti per fare la tessera...Gio accettò ma alla richiesta di trecentomila lire ( ! ) desistette e se ne andò bestemmiando tra se e ,tornò a Reggio Emilia. Marco lo rassicura,a Punta Marina avrebbe speso solo centomila lire,una cifra tutto som mato adeguata,pensa Gio,che è un frequentatore di prostitute ( vedi UOMINI CHE PAGANO LE DONNE di Gemelli69 N,d.A.). Raggiunge Punta Marina un'uggiosa serata d'autunno,un venerdi.Con il cuore che batte a mille,Gio guida in un dedalo di stradine,spesso buie,lungo i Lidi di Ravenna. Fi nalmente raggiunge il locale e con la bocca secca come un secchio di sabbia,entra. Dopo aver sbriga to le formalità di rito,eccolo in sala. Gio è al bar quando Marco e Silvia lo raggiungono. Lei è anco ra più figa di quanto apparisse in foto! I capelli lunghi e biondi lambivano le lambivano il fondos chiena da Pin-up. I seni torreggiavano sul ventre ben tornito. Ha anche un bel viso,dall'espressione furbetta. Trasmette una grande carica sessuale. Gio suda per l'emozione. Marco gli descrive il locale spiegandogli le regole del gioco,ma Gio è distratto dalla donna e l'eccessiva sicurezza di se che ha Marco lo intimidisce. La coppia lo invita in un angolo riservato del locale. Il privee è composto da stanzine piccole,arredate con i divanetti bassi,tipici dei locali notturni. L'attenzione di Gio è attirata dal letto di proporzioni gigantesche celato da pesanti tendaggi rossi. Marco lo fa accomodare accan to a Silvia,che si trova così,seduta tra i due maschi. Gio viene invitato ad andare al bar,per dare modo alla coppia di parlare.E'in preda alla delusione più cocente,quando Marco lo trascina pratica mente tra le...braccia della compagna! Silvia si ritrova ancora in mezzo ai due maschi,la coppia si scambia un lungo bacio in bocca. Silvia apre le lunghe gambe appoggiandone una sulle ginocchia di Gio,che ormai senza fiato la tocca piano piano attraverso il perizoma! Silvia geme,scoprendo quelle tette tanto ammirate in foto! Si rivelano sode oltre le aspettative! Marco si spoglia e mette l'uccello, di notevoli dimensioni,tra le labbra della compagna�?� Silvia succhia e guarda Gio che come inebetito osserva la scena." Su...spogliati" gli sussurra " fammelo vedere." Gio si cala i pantaloni,mentre Sil via gli tiene tra le mani il cazzo. Gio ha un gran...caos in testa! Lo eccita la femmina,così morbida e calda,gli piace come gli succhia la cappella...Ma Marco? La presenza dell'uomo lo mette lievemente a disagio..ma guardandolo scopare la moglie da dietro,mentre spompina uno sconosciuto...mmmmh Gio si ritrova tra le mani un preservativo...Marco lo invita a "fottere la porca�?�"L'arrivo di un secondo singolo che li guarda lo mette in difficoltà. Gli si ammoscia l'uccello e non riesce a scopare Silvia...Si offre di leccargliela abilmente come all'inizio,ma Marco dice no... " No...non ci siamo�?�" Pare seccato dalla momentanea impotenza di Gio ed invita Silvia a succhiare il cazzo durissimo del nuovo arrivato. Con malcelata delusione,Gio lascia il terzetto a scopare come ricci e ritorna a casa. Si masturba vigorosamente,solo nel letto,ripensando alle curve di Silvia,alla sua bocca ed al suo�?� cazzo moscio. Pensa che,come spesso accade " la prima volta nel sesso" ,è stato vittima delle circostanze...Sabato sera. La notte dopo,rieccolo a Punta Marina. La direzione lo accoglie con simpatia, Marco e Silvia lo salutano freddamente e non lo cagano proprio! Lo lasciano solo nel locale affolla to.La sera prima non c'era praticamente nessuno,sette o forse otto coppie riempivano la sala,c'erano anche tre singoli oltre a lui. Ad un tratto,disorientato,Gio si ritrovò solo in loro compagnia:dove so no spariti tutti? Gio vede un singolo che sbircia attraverso le pesanti tende,toccandosi il pacco. Si affaccia anche Gio e ciò che vede lo lascia di stucco!Tutte le coppie sono nella stanza attorno all'enorme letto: tutti scopno nelle posizioni più disparate! L'abbigliamento di certe donne è degno deimigliori films porno: veletta nera in testa,guepiere,calze nere e tacchi a spillo! Una di loro,a peco ra sul letto,succhia un cazzo di proporzioni bibliche,una seconda,vestita uguale,cavalca un maschio che tocca una seconda femmina in calore...Gio non può partecipare all'orgia poiché si svolge in un privee vietato ai singoli! L'esperienza,lo porterà a frequentare diversi clubs e continuare a contattare coppie attraverso gli annnci...sega dopo sega...fino all'ennesimo orgasmo! Di Gemelli 69. Qualsiasi riferimento a persone e luoghi è puramente casuale, Diritti riservati

Benvenuti amici

Posted on May 11, 2020 at 10:20 AM Comments comments (21)
Buongiorno amici,lo staff di Nikitamodel.com vi porge il proprio caloroso benvenuto nel nuovissimo blog! Vi aspettiamo numerosi!

Rss_feed